4 consigli per affrontare il ghosting professionale

Il ghosting non esiste solo sui social o su Tinder: anche qualche potenziale cliente ogni tanto senza motivo. Ecco quindi qualche consiglio per affrontare il ghosting professionale.
I
4 minuti
Come affrontare il ghosting professionale

È tutto pronto. Hai mandato una mail al tuo cliente dei sogni e lui ti ha risposto che è interessato ai tuoi servizi. 

Avete organizzato una videochiamata che è andata alla grande. 

Hai scritto un’altra mail per presentare il tuo preventivo e hai incrociato le dita nella speranza che lo accettasse. 

Poi è passata una settimana, forse un mese. Le tue dita iniziano ad avere un principio di artrosi e del tuo cliente non c’è neanche l’ombra.

Insomma, ora puoi ammetterlo: sei ufficialmente l’ultima vittima del ghosting professionale. 

Ma niente paura: non sei l'unico o l’unica! Il ghosting professionale è sostanzialmente identico alla sua controparte amorosa: dall’altra parte c’è una persona che semplicemente smette di rispondere.

Nonostante non se ne parli molto, il ghosting professionale è (sfortunatamente) molto più comune di quanto sembri e fa parte della vita di chi lavora come freelance. Ecco quindi qualche consiglio per affrontarlo al meglio.

3 motivi per cui il tuo potenziale cliente non ti risponde

Non c’è niente di più frustrante per un o una freelance di un cliente che non risponde. 

È colpa tua? Hai detto qualcosa di sbagliato? Il progetto alla fine non si fa più? Tutto è possibile, specialmente nella tua testa, dove sotto sotto non escludi neanche l’opzione che il tuo cliente sia stato rapito dagli alieni.

Ecco quali sono però gli scenari più probabili:

1 - Pessimo tempismo

Come sempre, nella vita, il tempismo è tutto.

I servizi che offri infatti possono benissimo risolvere uno o più problemi del tuo cliente, ma forse non si tratta di questioni che sono in cima alla sua lista di priorità al momento. Un giorno lo saranno, ma quel giorno non è (ancora) oggi. 

Oltre alla scala di priorità, un altro aspetto da tenere in considerazione è il budget. È possibile che la tua proposta sia arrivata in un momento in cui il tuo potenziale cliente non ha a disposizione il tipo di budget che serve per rispondere al tuo preventivo. 

In entrambi i casi, dall’altra parte è possibile che ci sia una persona che sta cercando di guadagnare tempo per sbrigare altre mansioni o sbloccare i fondi che servono per avviare la vostra collaborazione. Non ti disperare!

2 - Addio entusiasmo

La videochiamata è andata benissimo: sprizzavi energia da tutti i pori e sentivi il tuo entusiasmo bucare lo schermo. Poi però avete abbandonato entrambi la call e forse al tuo cliente tutto questo è passato di mente. 

D’altronde, quante volte ti è capitato di cercare un prodotto che volevi ad ogni costo per poi dimenticarti di comprarlo per mesi? Ecco, la sensazione è proprio questa.

3 - Occhi sulla concorrenza

È possibile che il tuo cliente stia semplicemente tastando il terreno e confrontando i preventivi di vari freelance per valutare i pro e i contro di ogni possibile collaborazione. 

Anche questa è un’abitudine che non ti sembrerà così lontana dalla realtà di tutti i giorni: basta pensare a quanto tempo hai passato a confrontare due mele esattamente identiche al supermercato prima di sceglierne una.

ghosting-rofessionale

4 strategie per sopravvivere al ghosting professionale

In un mondo ideale, tutti i potenziali clienti rispondono alle tue proposte con un semplice “sì” o un dignitoso “no, grazie”. 

Nel mondo reale, non è sempre così, anzi: spesso bisogna faticare per ricevere qualsiasi tipo di risposta.

Ecco quindi qualche strategia per non perdere autostima e ricevere le risposte che meriti:

1 - Non arrivare a conclusioni affrettate

“Gli esseri umani sono strani. In assenza di informazioni, uniamo i puntini da soli e lo facciamo scegliendo le motivazioni più assurde”, spiega lo psicologo Wayne Pernell.

Prima ancora di lasciarti prendere dalla rabbia, fermati e cerca di pensare lucidamente. Quanto tempo è passato dall’ultima interazione con il cliente? Perché dev’essere per forza andato storto qualcosa?

Non saltare subito alle conclusioni e aspetta almeno una settimana prima di accusarlo di ghosting professionale.

2 - Non prenderla sul personale

“Contattare un nuovo cliente è un po’ come organizzare un primo appuntamento”, spiega la PR Kyle Kirkpatrick. “È facile cadere nella trappola dell’analizzare ogni minimo dettaglio delle sue risposte - o l’assenza di risposte - e immaginare cosa pensi di te”, aggiunge. “Ma la più grande lezione che ho imparato è non prenderla mai sul personale, perché non lo è mai, davvero”, conclude.

3 - Cambia tattica

Se le mail non funzionano, passa alle chiamate. È molto più probabile, infatti, che senza la sensazione di ‘comunicazione ufficiale’ che trasmettono le mail il tuo cliente riesca a darti qualche informazione in più sul progetto al quale dovresti collaborare. 

4 - Non strafare

Insistere è la strada più veloce per ricevere un bel ‘no, grazie’. Evita di sommergere il tuo potenziale cliente di proposte e non scivolare mai nell’aggressività. 

“Fai presente che non hai capito bene cosa sia successo ma che tu resti disponibile in caso abbiano bisogno dei tuoi servizi”, spiega Pernell. “E aggiungi che speri di rimanere in contatto qualsiasi sia la sua decisione finale”, consiglia lo psicologo.

Se il ‘no, grazie’ arriva comunque ed è da parte di uno dei tuoi clienti dei sogni, ragiona a lungo termine: imposta degli avvisi con Google Alert per rimanere al corrente delle sue prossime mosse e contattalo di nuovo dopo qualche mese con una proposta in linea con le sue necessità.

Infine, “cerca di preservare la tua salute mentale e ricordare che puoi controllare solo in minima parte le reazioni di altre persone”, afferma Kirkpatrick. “Compila una lista di potenziali clienti e contattali periodicamente per limitare lo stress e mettiti in testa che sei solo un piccola parte del mondo personale e professionale di un’altra persona”, aggiunge.

Ma soprattutto, non lasciare che il ghosting professionale affossi la tua autostima. “Sii sempre gentile e presente”, consiglia Pernell. “La tua buona reputazione ti ripagherà sul lungo periodo”.

Table of contents

Entra nella community per i remote workers che vogliono crescere insieme!

Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Iscriviti a Zwap
Post recenti

Non restare indietro,
prendi parte al futuro con noi.

Scrivici
© 2021 Zwap. All rights reserved. P.I. 02872710906